Open post

Laboratori e colazioni speciali al Distretto A Weekend

Il fine settimana di Distretto A Weekend è alle porte con un ricco programma di eventi che si distribuiranno tra venerdì 17 maggio e domenica 19 al mattino. Oltre all’appuntamento con la cena itinerante di venerdì e arte & cibo di strada di sabato, l’edizione di quest’anno ha in programma alcune novità e curiosità che non potete farvi sfuggire. Ve le raccontiamo qui.

I laboratori di sabato e domenica

Faenza è storicamente una città dedita all’artigianato artistico, dove l’arte del “sapere fare delle mani” è nel dna dei tanti maestri artigiani faentini che portano avanti tradizioni che rischiano di scomparire, ma che invece rappresentano un importante patrimonio culturale. Ecco allora che il fine settimana ad alta densità artistica della città si fa esperienziale con una serie di laboratori aperti al pubblico (su prenotazione) che vi anticipiamo qui in dettaglio:

  • Le sfoglie possono volare? – In concomitanza con Buongiorno Ceramica! del 18 e 19 maggio, sarà possibile
    Laboratori ceramici

    partecipare al laboratorio ceramico a cura di Ivana Anconelli – Mabilab, che unisce scrittura, argilla e pittura. Un’esperienza ceramica secondo il metodo Bruno Munari, dove le nozioni pratiche vengono tramandate attraverso il gioco. Sabato 18 maggio (h. 16-18.30). Laboratorio con 15 posti disponibili: 15 € (info e prenotazioni 338 8166549), Via Micheline, 4 (laboratorio Mabilab)

  • Lumi e paralumi
    Lumi e paralumi

    Lumi e paralumi – In un’epoca storica dove tutto è sempre più omologato e industriale, ecco un’occasione per mettersi in gioco e riparare o dare nuova vita a una lampada o un paralume. Sabato 18 maggio (h. 16-18.30) non perdete l’appuntamento con questo laboratorio a cura di Stefania DonatiLaboratorio con 6 posti disponibili: 15 €, Via Sarti, 36 (Bottega Arti e Mestieri) 

  • Sega, pialla e scalpello, primi passi in falegnameriaRomolo Reggi, esperto nella realizzazione di prototipi, arredi e manufatti in legno massello lavorato a mano, vi insegnerà come
    L'arte della falegnameria
    L’arte della falegnameria

    imparare a costruire un piccolo oggetto in legno. Dalle le fasi di lavorazione all’utilizzo dei più comuni utensili da falegname. L’appuntamento è per domenica 19 Maggio (10-12.30). Laboratorio con 8 posti disponibili: 15 €, Via Giangrandi, 2 (Palazzo Giangrandi)

  • La pasta sfoglia della Maria – Per chi vuole cimentarsi nell’arte del matterello e vestire per una mattina i panni dell’azdora, Paola Fabbri vi insegnerà domenica 19 Maggio (10-12.30) tutti i trucchi per tirare la sfoglia con tagliere e mattarello. Al termine di questa esperienza, potrai portare a casa le tagliatelle di tua creazione e cucinarle per la tua famiglia. Laboratorio con 15 posti disponibili: 15€, Via S. Ippolito 12/A (laboratorio La Bottega del Buon Gustaio)

 

Colazioni tra PIL e ceramica

Se venerdì itinireremo tutti tra le vie del distretto alla scoperta di spazi ad alto indice enogastronomico e artistico e

Pil a colazione
Pil a colazione

sabato ci rilasseremo tra arte, aperitivi, cene private e food truck, domenica sarà l’occasione per concludere con lentezza il fine settimana. Ad attenderci dalle 9.00 alle 13.00 ci sono tre colazioni in programma, ospitate in location inusuali che cambieranno il nostro modo di pensare alla colazione alternativa. In compresenza con Buongiorno Ceramica!, alla Bottega ceramica “La Vecchia Faenza” (Via Sant’Ippolito 27) potremo degustare ottime brioches appena sfornate servite su piattini in ceramica dipinta a mano, che si potranno poi portare a casa con noi. Per saperne invece di più sulla attuale situazione PIL, tassi di interesse e mondo bancario, non perdetevi l’appuntamento alla Cassa di Risparmio di Cento (C.so Garibaldi 23/E) dove ci sarà una lettura di giornali di economia con l’esperto. Infine, ci sarà il Quazar (Via Emiliani 2) da sempre luogo dedito alla diffusione dell’arte in città.

Come sempre ricordate di usare #maggiofaentino nelle vostre foto della tre giorni e buon Distretto A Weekend!

Open post

Distretto A Weekend: tra arte, cibo, visite guidate e #grazieprego

Il Quartiere ad Alta Densità Artistica della città di Faenza, si prepara ad accogliere la XII edizione del Distretto A Weekend, l’appuntamento itinerante che unirà dal 17 al 19 maggio arte e cibo, spazi pubblici e case private, chef stellati professionisti e imperdibili food experience. Tema dell’edizione di quest’anno sarà GraziePrego: un manifesto della gentilezza, attitudine che molto spesso viene dimenticata nella vita frenetica di tutti i giorni e che vuole essere la linea guida dei tanti eventi che si divideranno tra cena itinerante, arte e cibo di strada e colazioni e visite guidate. Prima di continuare a leggere, scaricate qui la mappa e iniziate a tracciare il vostro itinerario!

Cena itinerante: tutti i numeri della serata

Si parte venerdì’ 17 maggio con la cena itinerante, dove ad aspettare il pubblico ci saranno 54 spazi, 45 chef e 35 produttori di vino, birra e cocktail in un libero percorso accompagnato da installazioni, mostre e

I cortili del Distretto durante la Cena Itinerante

performance seguendo questa formula: dietro ad ogni spazio si trovano un piatto, un drink e un’artista. Ciò che rende speciale e unico il fine settimana di Distretto A Weekend è che oltre ai locali e postazioni nel quartiere, ci saranno corti private, studi di professionisti e case private ad aprire le loro porte al pubblico, all’insegna della convivialità e di quel buon vivere insito nel racconto del Maggio Faentino. Chi potrete trovare negli spazi allestiti durante la serata? Mappa alla mano, i nomi sono tanti tra cui DaGorini (nominato ai recenti World Restaurant Awards), il picnic mood di Scamporella, Benso, Akâmì, il giovane chef dell’Alexander di Ravenna, Postrivoro, Marè e tanti altri. La formula pensata dallo staff di Distretto A è quello di creare contaminazioni e condivisioni, mettendo insieme a grandi nomi, esperti e produttori emergenti di grande qualità e talento. Accanto a food & drinks potrete perdervi tra vie e cortili alla scoperta di installazioni d’arte, mostre e musei aperti. Infine, un pronto intervento fame notturna su ruote arriverà “in soccorso” con bomboloni e brioche della storica Pasticceria Flamigni di Faenza.

Arte e Cibo di Strada: tra cene private e aperitivi sui balconi

Relax nel distretto
Il buon vivere del Distretto A Weekend

Se il venerdì sera saremo tutti itineranti alla scoperta dei tanti connubi disseminati nel quartiere, sabato 18 maggio preparatevi a vestire i panni da flâneurs: sarà infatti l’occasione per prendere tempo, fermarsi a osservare, e gustare il cibo di strada che potrete trovare negli spazi della Piazzetta Carlo Zauli e di Piazza San Francesco. Il programma della serata propone infatti l’appuntamento con i consueti food truck – tra cui ci sarà anche il Magnolia To go dello stellato Alberto Faccani – a cui si aggiungono due cene private molto speciali. La prima è quella di Marta Scalabrini – una delle dieci giovani donne chef italiane emergenti secondo Identità Golose – impegnata in una cena dei Tempi di Recupero, progetto ideato da Carlo Catani. L’altra cena imperdibile sarà invece ospitata a casa di un architetto con il primo home cooking di Distretto A Weekend: una cena di pesce a cura di Cucina Itinerante, attorno a un tavolo per sole 20 persone. Non perdetevi poi gli aperitivi organizzati sui balconi, le presentazioni di libri nei cortili e i percorsi d’arte al Museo Diocesano.

La Domenica tra colazione e visite guidate

Domenica 19 maggio il fine settimana tra arte e cibo si conclude con una serie di  visite guidate in musei inediti, come il Museo di San Francesco o Casa Bendandi, e studi d’artista. Oltre alle visite ci saranno anche colazioni d’eccellenza – Quazar Coworking, Ceramiche La Vecchia Faenza e Cassa di Risparmio di Cento – e due dei quattro laboratori pratici che si svilupperanno tra sabato e domenica e che vi racconteremo a breve nel dettaglio. Distretto A Weekend promuove anche quest’anno un approccio green alla manifestazione nel rispetto dell’ambiente: oltre alla presenza del Green go bus, navetta elettrica che permetterà al pubblico di muoversi verso il centro storico, lo staff organizzatore ha messo in moto una serie di azioni volte a eliminare la vendita di bottiglie in plastica, l’incentivazione all’utilizzo di materiali biocompostabili e una squadra di volontari “pulizziotti” che aiuterà a tenere pulito l’ambiente. Per info e prenotazioni cene e laboratori: 338 8166549 oppure scrivete a distretto.a@gmail.com

Ad accogliere il pubblico ci sarà anche il desk di Maggio Faentino con l’animazione dei ragazzi dell’ITC Oriani di Faenza in Piazzetta Carlo Zauli. Preparate la macchina fotografica per farvi immortalare nelle cornici di papaveri!

Non dimenticate di usare l’hashtag #maggiofaentino #dawe19 #DistrettoAWeekend  #grazieprego

Open post

Distretto A Weekend: il Blocco A tra mostre, Urban contest e Contemporaneo

E’ quasi tutto pronto per Distretto A Weekend del 18-19-20 maggio e il Maggio Faentino si prepara ad accogliere la seconda tappa del suo racconto, in un viaggio viaggio lungo i 54 spazi che compongono la manifestazione, i 68 eventi tra mostre, laboratori e visite guidate, i 46 punti food e i 38 tra birrifici e cantine. Un percorso unico in Romagna tra enogastronomia, mostre, arte e tanto altro. In puro stile Distretto A! Zavagli e Svarioni è il tema scelto per questa edizione e l’idea nasce dal fatto che la creatività, l’arte e l’artigianato si sposano all’idea – a volte in controtendenza – che la perfezione non sia solo irraggiungibile, ma anche noiosa e omologante. E quindi bene fare spazio agli “zavagli”, le cose inutili ma che spesso hanno più cuore e storia degli oggetti funzionali, e agli “svarioni”, gli errori, che in sé a volte custodiscono una poetica, una personalità, un ribaltamento delle prospettive. Qui il programma completo: Distretto A Weekend – programma

Oltre alla Cena Itinerante e alle passeggiate tra le vie del Distretto, vogliamo parlare oggi del padiglione centrale del sistema espositivo messo in azione da Distretto A. Sì, stiamo parlando del Blocco A, ubicato quest’anno all’ex-DO in via Mura Mittarelli. Luogo affascinante e in passato sede di eventi legati alla creatività giovanile, l’ex-DO accoglierà durante la tre giorni un progetto espositivo in tre sezioni.

Ecco cosa sapere per entrare in mood Zavagli e Svarioni anche qui!

Heriz Bhody Anam: “La mia visione: zavagli e svarioni”

Heriz Bhody Anam

In linea con il tema di quest’anno, il primo piano del Blocco A sarà dedicato all’installazione dell’artista faentino Heriz Bhody Anam con “La mia visione: Zavagli e svarioni”. Realizzata site specific per questo spazio, l’installazione vuole essere un omaggio all’istrionico, zingaresco ed eclettico artista, che attraverso tele, ceramiche ed altri oggetti ha ricreato per l’occasione un frammento del proprio universo espressivo attraverso le atmosfere ironiche, gioiose ma anche oscure e beffarde che da sempre lo caratterizzano.

Verso il premio Francesco Pinoni: il contemporaneo secondo Francesco

La seconda installazione in programma è dedicata alla memoria di Francesco Pinoni, direttore di banca, collezionista, e alla sua passione per l’arte concepita come risorsa fondamentale di un territorio. Quella stessa passione che ha spinto Vittoria Graziani a creare – in collaborazioni con alcune realtà significative del territorio – il premio Francesco Pinoni per l’arte contemporanea. Tra gli artisti presenti al Blocco A: Claudio Amadei, Bottega Gatti, Luca Caccioni, Silvia Camporesi, Cristina D’Alberto, Oscar Dominguez, Monika Grycko, Alan Guzman, Ana Hilar, Chiara Lecca, Monti, Marta Pachon, Fiorenza Pancino, Beatrice Pasquali, Nero, Stefano Scheda, Ettore Sottsass per Bottega Gatti, Marco Samorè.

L’Urban Art Contest 2018 e la mostra collettiva dei bozzetti partecipanti

Come saprete, il Distretto A ha promosso in questa edizione un Urban Art Contest, bando internazionale con l’intento di valorizzare gli spazi urbani attraverso interventi di street art. Il concorso, collegato anche a una campagna di crowdfunding, ha decretato vincitore Tellas (Cagliari, 1985) considerato dall’Huffington Post USA fra i 25 street artist più interessanti del mondo. Con Terra e Mare, l’artista ha interpretato il tema del concorso unendo idealmente in un dialogo Faenza e Palermo, ​dove realizzerà appunto due opere murali: la prima si scoprirà a Faenza il 19 maggio alle 18.30 e verrà realizzata proprio sulla facciata dell’ex-DO e la seconda, a Palermo (capitale italiana della cultura 2018), sarà presentata il 16 giugno​. Tutti i 51 bozzetti che hanno concorso alla selezione Urban Art Contest, provenienti sia dall’Italia che dall’estero, verranno esposti in una collettiva al Blocco A.

Terra – il bozzetto vincitore per l’opera muraria all’ex-DO di Faenza

Per permettere che il progetto Urban Art Contest possa svilupparsi in futuro e contribuire a dare un volto migliore alla città che abitiamo, avvicinando le persone al dibattito dell’arte, è stato lanciato un progetto di crowdfunding, una raccolta collaborativa che parta dal basso (come tutte le attività di Distretto A fino dalla sua nascita) e sensibilizzi verso la donazione spontanea di fondi per proseguire nella realizzazione di altri interventi di street art, avvicinando contemporaneamente le persone alla cura dei beni comuni che migliori la qualità della vita in città. Per informazioni: https://www.planbee.bz/it/project/urban-art-contest

Un’occasione imperdibile per immergersi a 360° nell’arte contemporanea e viverla in prima persona

Dove: Blocco A 2018 – Via Mura Mittarelli, Faenza (Ingresso gratuito)

Quando: Venerdì 18 e sabato 19 maggio dalle 18:30 alle 24 – Domenica 20 maggio dalle 9:00 alle 13:00

Inaugurazione murales Tellas Sabato 19 maggio ore 18.30

 

Open post
cena-itinerante

ZAVAGLI E SVARIONI alla XI edizione del weekend itinerante nel Distretto A

Cambia il nome (l’anno scorso era Cena Itinerante Weekend), gli orizzonti si ampliano, ma il senso della festa rimane lo stesso: diffondere creatività e condividere esperienze. Una manifestazione itinerante, per intenzioni e giorni, per luoghi e momenti.

 

Distretto A Weekend: il programma della tre giorni

Venerdi 18 maggio si parte con la Cena Itinerante. Ristoranti e cantine fra le più interessanti della nostra regione, per una sola sera, aprono una postazione temporanea ed inedita nel quartiere faentino, arricchita dalla presenza di installazioni artistiche. Durante tutta la serata in ogni punto della mappa si incontreranno cibo + vino e birra + arte. Cibo di strada e arte sarà invece il tema di sabato 19 maggio. Ristoranti e cantine lasciano il posto ai foodtruck disseminati nel quartiere, rendendo l’arte unica vera protagonista degli spazi aperti. Infine domenica 20 maggio sarà al volta di colazioni e visite guidate. Alla colazione collettiva in un luogo inedito, si uniscono visite guidate, laboratori, passeggiate: ulteriore occasione per respirare la creatività del quartiere.

Il programma resta invariato in caso di maltempo.

Scroll to top